Premi

La cucina 3 stelle e i suoi premi

Anche se Christian Bau per ciascuno dei suoi premi – e la lista è lunga – è incredibilmente gratificato dalla ricezione della terza stella Michelin, riconoscimento che solo altri nove chef tedeschi di ristoranti eccezionali possono vantare, accanto a lui. Sostiene la perfezione e la precisione, ma non la deve dimostrare se stesso e gli altri. Tuttavia, cio‘ non ne sminuisce la motivazione. Difende la massima riconoscenza culinaria da dodici anni e, ogni giorno, più ambizioso e pienamente impegnato di prima.

 

Tre stelle Michelin, rinominato “Chef of the Year” da diversi critici gastronomici, 19 punti nella guida Gault Millau. L‘affermazione, Christian Bau e‘ il miglior cuoco in Germania,rimane una questione di gusto, ma è senza dubbio la punta di diamante di tutti gli chef tedeschi, se non di tutto il mondo, talenti eccezionali in cucina.

Il più alto premio per uno chef:
3 stelle Michelin

In soli sette anni, Christian Bau cuoco di “Fine Dining di Victor da Christian Bau” ha ottenuto tre stelle Michelin. Questo è il premio con il quale ha finalmente raggiunto il rispetto mondiale. La prima stella Michelin gli e‘ stata assegnata dopo soli sette mesi dal suo inizio come chef. Un anno dopo, Christian Bau rdiventa uno chef doppiamente stellato. La terza stella – invece – segue nel 2005. Ogni anno e‘ una nuova battaglia per preservare questo elevato status, ma Christian Bau e il suo team e‘ in grado di padroneggiare con sicurezza questa aspettativa.

I frutti di Yuzu lo fanno “il cuoco dell’anno”

È notevole cme Christian Bau abbia cucinato prettamente una cucina classica francese fino alla terza stella Michelin. Solo nel 2007 vi è stato il passaggio culinario, lo sviluppo della sua filosofia di cucina e l’integrazione di prodotti giapponesi nella cucina francese. Christian Bau è stato il primo chef ad importare frutta yuzu in Germania e che prepara il brodo di carne con solo il Dashi. Questa è stata la nascita di stile elaborato di oggi, il motivo per cui viene nominatato dal Gourmet “Chef of the Year”.

Motivazione ed eroe nazionale

Al CHEF-SACHE di Colonia, Christian Bau è stato premiato più volte, un eroe nazionale. Eletto di nuovo nel 2015 come “Chef of the Year”, e ancora una volta „forza trainante del settore.“ Un onore particolarmente grande, perché eletto da un totale di 8.000 ristoratori. “E ‘piuttosto sexy, essere considerato come il migliore.” Christian Bau colpisce in poche parole.

 

Sono state raggiunte tre stelle Michelin, quale obiettivo rimane allora? Naturalmente, mantenere alto livello e rendere gli ospiti soddisfatti per ogni menù – e per rimanere sani e fisicamente si adatta alla grande passione per essere in grado di vivere giorno per giorno.

Tutti i premi in un colpo d’occhio:

  • Novembre 1996: il terzo vincitore della Finale Mondiale del Prix Taittinger a Parigi, campionato del mondo non ufficiale per i cuochi nel 1996
  • Ottobre 1998: “La promessa dell’anno”, LA SAPORE FINE
  • Novembre 1998: 1. Michelin star, guida Michelin
  • Novembre 1999: seconda stella Michelin, guida Michelin
  • Dicembre 2000: Cuoco creativo di Germania, BUNTE
  • Ottobre 2004: “Scalatore dell’Anno 2004”, Aral Schlemmer Atlas
  • Ottobre 2005: “Cuoco dell’anno”, L’INVERNO FINE
  • Ottobre 2005: 5 cucchiai da cucina, Aral Schlemmeratlas
  • Novembre 2005: terza stella Michelin, guida Michelin
  • Maggio 2006: Prezzo eccezionali arte culinaria e ospitalità per il cristiano e la costruzione Yildiz, Les Amis de L’Art de Vivre
  • Novembre 2008: 19 punti Guida Gault Millau, Gault Millau
  • Ottobre 2010: 5 “F”, IL GOURMET
  • Febbraio 2011: “Cuoco dell’anno”, Premio Gusto
  • Gennaio 2012: “Chef dell’anno”, premio FAZ
  • Settembre 2015: eroe nazionale – cuoco dell’anno, CHEF-SACHE
  • Settembre 2015: l’impulso dell’industria, CHEF-SACHE
  • Novembre 2017: “Chef of the Year 2018”, 19,5 punti Guida Gault Millau, Gault Millau


Attualmente sette premi in sette guide culinarie.